Uncategorized

A novembre, un asteroide potrebbe colpire la Terra: si chiama 2018VP1

Pubblicato il

Dopo il passaggio dell’asteroide 2002 NN4 lo scorso giugno, un altro meteorite passerà vicino alla Terra nel mese di novembre. Scoperto nel 2018 all’osservatorio Palomar in California, si chiama 2018VP1 e gli studiosi lo tengono d’occhio da tempo, proprio perché rientra tra gli oggetti celesti che hanno maggiori probabilità di entrare in collisione con il nostro pianeta.

Niente panico però: secondo la NASA non costituisce un serio pericolo per la Terra, a iniziare dalle sue dimensioni. Stando ai dati del Center for Near Earth Object Studies del Jet Propulsion Laboratory, ha un diametro di due metri e una massa di qualche tonnellata.

La probabilità che colpisca il nostro pianeta è dello 0,41%, ma anche se dovesse succedere, in virtù di queste proporzioni, l’eventualità dell’impatto non desta particolari preoccupazioni. Per farsi un’idea, basti pensare che il meteorite che esplose nel 2013 nei cieli della Siberia, sbriciolando migliaia di finestre e causando oltre mille feriti, aveva un diametro di 15 metri e una massa di diecimila tonnellate.

In ogni caso, dunque, non c’è da preoccuparsi: se anche arrivasse sulla Terra, la maggior parte di 2018VP1 si disintegrerebbe al contatto con l’atmosfera. Forse, lo spettacolo potrebbe essere simile a quello apparso nei cieli del Friuli Venezia Giulia all’inizio di quest’anno.

Mentre gli oggetti celesti più grandi sono già ben noti agli studiosi (e, fortunatamente, pare non siano in rotta di collisione con la Terra), quelli più piccoli sono oggetto di studi da parte di diverse agenzie spaziali, a partire da NASA ed Esa. Il Near Earth object coordination center (NEOCC) dell’agenzia spaziale europea, per la cronaca, ha sede a Frascati.

Articolo completo su: https://www.hdblog.it/scienza/articoli/n525460/asteroide-novembre-colpire-terra-2018vp1/